Che si tratti di un sito aziendale, di blog o di un profilo social, le immagini sono una parte estremamente rilevante nella comunicazione moderna, caratterizzata da tempi ristretti e a grado di attenzione sempre minore. Si stima che il tempo medio di permanenza su un singolo post Facebook o su un’immagine Instagram, sia di appena 1,2 secondi. 


In pratica, l’immagine che userete dovrà catturare l’attenzione del vostro pubblico, che si trova sulla metro, in fila, in pausa, distratto ed annoiato scorre la home di Facebook. Se ne sarà incuriosita, darà una chance al contenuto di testo collegato.
Una sfida difficile ma non impossibile!

Navigando su Google il nostro approccio è diverso, ma il motore di ricerca si sta sempre più allineando alla tendenza “imagine first”, dando sempre più rilievo al contenuto visivo: avete notato che, quando cercate qualcosa su Google, la prima cosa che la Serp vi mostra è una striscia di immagini attinenti alla ricerca?
È evidente quanto sia importante un’immagine di impatto, bella da vedere e che catturi l’attenzione per stimolare alla lettura. Per questo quello visivo è uno degli aspetti centrali quando costruiamo la strategia di comunicazione dei nostri clienti. Ma non solo: abbiamo anche dedicato a questo aspetto ampio spazio durante i corsi di Digital Lab e digital Strategy.

Che caratteristiche deve avere una foto per il web?

Le dimensioni contano: un’immagine troppo piccola, al di sotto dei 500 pixel per lato potrebbe esser sgranata durante la visualizzazione e non soddisfare l’utente che potrebbe abbandonare la pagina (o scrollare la home del social su cui è stata pubblicata). La prima cosa da fare è scegliere il formato giusto: il png permette di avere immagini di qualità superiore, ma anche il file sarà più pesante; il jpg consente di avere file più leggeri ma di qualità inferiore; il gif è quello che offre la compressione maggiore e proprio per questo è utilizzato per le immagini animate.
I programmi per ridurre le dimensioni delle foto di partenza sono molti, free, a pagamento o freemium: Photoshop, Lightroom ma anche Paint o siti come Ippiccy o image resizer.org, per elencarne qualcuno[LINK]. In alternativa possono essere ridimensionate direttamente su WordPress, una volta caricate sul sito, ma lo spazio occupato sul server rimarrà invariato.

Foto per i social che caratteristiche devono avere?

Se, da una parte, le immagini non devono essere troppo piccole, dall’altra non devono essere troppo grandi: meglio non andare oltre i 1900 pxl per il lato più lungo o potrebbero risultare non visualizzabili. È buona norma aggiornarsi spesso sugli standard dei social che cambiano di frequente.

Usare foto scattate con lo smartphone per catturare l’attenzione del pubblico?

Perché no! Non è sempre necessario avere una reflex per scattare delle foto per i social o per il web. Gli smartphone più moderni hanno caratteristiche di fotocamera sempre migliori e permettono di scattare in altissima qualità.

Tool per il foto editing con smartphone

Una volta scattata, l’immagine potrebbe avere bisogno di ritocchi minimi di editing: niente paura, le app per il fotoritocco sono infinite! Le più rinomate ed affidabili sono sicuramente VSCO e Snapseed che consentono modifiche molto precise, oltre all’applicazione di filtri pre-impostati per una modifica rapida ed efficace delle immagini.

Quali sono le immagini più adatte al tuo brand?

La risposta a questa domanda è delicata ed importante: le vostre immagini parleranno di chi siete e racconteranno al vostro pubblico quello che fate. Un potenziale cliente, guardando delle immagini sfocate o fuorvianti, potrebbe farsi un’idea sbagliata e fraintendere la mission aziendale.

Le foto parlano di te!

PEr catturare l’attenzione del pubblico, devono essere belle, rispecchiare lo stile del brand e dare l’idea della sua attività: un negozio di abiti può sfruttare Facebook come vetrina, ma una timeline popolata da asettiche foto di vestiti su manichini sarà impersonale e noiosa. Meglio mostrarli indossati da modelle o appesi in bella vista all’interno di un armadio pronti per essere indossati, non credete?
E i dolci di una pasticceria? Che giustizia renderebbe loro un’immagine dai colori sbiaditi, scattata attraverso il vetro di un frigorifero? Molto meglio il primo piano di una fetta dai colori vivaci che faccia venir voglia di dare un morso!

E voi che immagine date della vostra azienda? Se pensate che ci sia da lavorarci su, contattateci a lab@reputationlab.it

Vuoi conoscere le novità su social media, siti web, blog, e-commerce? Iscriviti alla nostra newsletter: aggiornamenti di settore, preziose anticipazioni e case histories di successo.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali.