Il primo anno di ReputationLab: come sia possibile fare impresa in Sicilia

Il primo anno di ReputationLab: come sia possibile fare impresa in Sicilia

Posted by Santina Giannone | 17 Maggio 2018 | Reputazione aziendale

Formazione, sperimentazione, radicamento sul territorio e traguardi che oltrepassano lo Stretto: un anno fa davamo vita a ReputationLab, ecco come abbiamo vissuto (spericolatamente!) questi 365 giorni.

Un figlio, un amore, un impiego: un anno è sempre un periodo significativo per tirare le somme di un’esperienza, ancora di più se questa è la somma di molte altre messe insieme.

Come fondare un’azienda, ad esempio. Ancor più se in un settore multiforme (come quello della comunicazione aziendale), in una formula atipica (come quella della reputazione d’impresa), in una terra che sembra vaccinare i suoi abitanti perché stiano lontani da ogni tentativo di lavoro imprenditoriale (come la Sicilia).

Un momento delle video-interviste in cui raccontiamo l’azienda Busulmona con Gaetano di Pino, a Noto

Un anno fa ReputationLab muoveva i suoi primi passi: una scelta maturata negli anni e con molti scossoni durante il tragitto. Raccontare come un anno d’azienda possa fare maturare al pari di un anno di figli, amori e impieghi messi insieme, è cosa che tocca più alle memorie personali. Credo però sia un segno di trasparenza e di fiducia per tutti coloro che in quest’anno si sono affidati a noi e che ci hanno affiancato come partner conoscere meglio il nostro perorso di questo primo anno un anno irripetibile.

 

Pronti a fare un giro veloce negli ultimi 365 giorni? Ecco come è andata.

 

Il gruppo insieme ad alcuni organizzatori del TEDx a Siracusa

Il team: un’azienda spesso nasce dalla visione e dall’impegno di una persona, ma se vuole crescere davvero deve dotarsi di un team. Oggi il nostro gruppo di lavoro è formato da quattro persone che si occupano di diversi settori e canali della comunicazione online e offline, oltre a una serie di collaborazioni consolidate che ci rendono un progetto sempre open;

I settori: siamo nati come specialisti del food&wine e ci riconfermiamo una realtà altamente specializzata in questo settore. Il 70% del nostro portfolio clienti è costituito da realtà che si occupano di vino, ristorazione, produzione agroalimentare, Enti e associazioni legate a marchi territoriali, con un trend di crescita per le attività che operano nell’ambito del turismo. ReputationLab ha durante l’anno aperto interlocuzioni anche con importanti aziende che si occupano di innovazione, start up, servizi, cultura e business management;

Identità e racconto di Pepe Nero, ristorante di Catania, attraverso attività di social media management

Gli eventi: almeno una ventina quelli a cui abbiamo partecipato come partner, coorganizzatori o curatori di ufficio stampa e social media manager. Uno tra i più rilevanti è stato  “La luce di Aurora”, che ha accolto oltre 100 tra chef, produttori e cantine per un grande momento di beneficenza in favore di Dynamo Camp. ReputationLab ne ha curato l’organizzazione e la comunicazione. Ci avviamo inoltre a curare un altro grande evento nazionale, di cui però vi racconteremo più avanti 😉


La formazione:
crediamo che la formazione sia la chiave della vera crescita di un’azienda e del territorio. ReputationLab si impegna nella formazione delle risorse del territorio (nel 2017 ha organizzato 1 corso di formazione di 90 ore in Digital Marketing Management con Manpower insieme ad altri docenti di rilievo), ma soprattutto investe in formazione continua per il suo team. Una parte consistente del fatturato del primo anno è stato investito in corsi di formazione online e offline sulle tematiche della comunicazione digitale, del web marketing, della leadership e del miglioramento della gestione aziendale, della digitalizzazione d’impresa.

 

La responsabilità sociale d’impresa: crediamo che la nostra missione sul territorio sia anche quella di sostenere le attività culturali e sociali che contribuiscono a dargli valore. Per questo abbiamo scelto di metterci a disposizione di eventi culturali importanti, come il Tedx Ortygia del 5 maggio o ancora di progetti importanti come WonderLad dell’associazione Lad Onlus.

La conclusione del progetto di crowfunding coordinato da Strano Spa per WonderLad, Catania

Abbiamo individuato il nostro core business nella valorizzazione, costruzione e nutrimento della reputazione d’impresa attraverso una serie di servizi ampi e complessi, che vanno dall’ufficio stampa e dalla produzione di contenuti al social media management, dai piani di digitalizzazione aziendale alle strategie di web marketing, dai corsi di formazione all’organizzazione di eventi. Ma abbiamo scelto soprattutto di interpretare la reputazione aziendale nei termini di tempo, identità e relazione. Sono queste le tre pietre miliari da cui ogni giorno partiamo nel nostro lavoro per fare crescere le aziende in maniera strutturale, sana e innovativa.

 

 

Santina Giannone
About The Author

Santina Giannone

Santina Giannone, giornalista e dottore di ricerca in Scienze Cognitive, si è specializzata in Ufficio Stampa e Media Relation presso la Business School del Sole24Ore. Si occupa da anni di consulenza d’impresa con una particolare attenzione al settore del food&wine. Ha inoltre curato la creazione e gestione di eventi culturali e di alcuni progetti nazionali di responsabilità sociale d’impresa.

Add a comment

*Please complete all fields correctly

Related Blogs

trend ristorazione 2019
Posted by santina-giannone | 30 Agosto 2019
La ristorazione è un settore che ha bisogno non solo di competenze specifiche, ma anche di una visione all'avanguardia su servizio, comunicazione, conoscenza del cliente e capacità di creare nuovi…
Posted by santina-giannone | 17 Luglio 2019
Eravamo preparati a salutare Andrea Camilleri, che da qualche settimana era ricoverato in ospedale. Chissà se siamo preparati a gestire la grande eredità che lascia al mondo della cultura ma,…
personal branding
Posted by santina-giannone | 27 Maggio 2019
Una recente ricerca negli USA dimostra come la disponibilità dei CEO (e più in genere dei manager) delle grandi aziende a esporsi sui temi sociali e a partecipare al dibattito…