fbpx

Come siete arrivati qui? Probabilmente siete passati per la nostra pagina Facebook  o magari Linkedin.
E come organizzerete il prossimo incontro con i vostri amici? Quasi sicuramente Whatsapp (a meno che non siate tra i pochi e rari nostalgici che inviano ancora SMS).
È evidente: l’uso dei social è più che pane quotidiano: è un’abitudine dalla quale oramai non riusciamo più a separarci. Secondo studi recenti, circa la metà della popolazione mondiale utilizza regolarmente i social media ogni giorno.

Social trend 2020 – Quanto tempo passiamo sui social network?

In media passiamo connessi ad internet, un quarto della nostra giornata: 6 ore, di cui 2 sui social network.
Cifra che cambia considerevolmente per chi come noi, lavora con i social. Gestire professionalmente le pagine ed i profili dei nostri clienti ci porta a passare intere giornate con il cellulare in mano o le dita sulla tastiera, intente a pubblicare, ottimizzare, pianificare. Se in azienda non avete tempo per tutte queste attività, vi consigliamo di non improvvisare ed affidarvi a dei professionisti.

Quali social sono più utilizzati?

 Nulla di nuovo sotto al sole: il podio resta saldamente in mano a tre colossi: Facebook con circa 2mld e mezzo di utenti mensili, YouTube segue con 2 mld e WhatsApp con oltre 1 mld e mezzo. Scala la classifica TIKTOK con 800 mln di utenti attivi al mese.
Quello che accomuna tutte le piattaforme è l’essere visualizzate più da mobile che da desktop. Il 2020, infatti, è stato l’anno della svolta, con un sorpasso degli smartphone, rispetto ai pc. Elemento non da sottovalutare, questo: il vostro sito è ottimizzato first mobile? Se così non fosse, potreste incorrere in penalizzazioni da parte di Google che non lo posizionerebbe tra le prime pagine.

Social e preoccupazioni: di cosa hanno paura gli utenti?

Lo scandalo di Cambridge Analytica ha scosso il mondo molto seriamente, tant’è che a due anni di distanza, quello che preoccupa maggiormente li utenti, è proprio l’utilizzo dei propri dati personali da parte delle aziende. Altra grande preoccupazione è il tema delle fake news, sempre più diffuse e di sempre più difficile riconoscibilità.
L’informazione passa per i social, è un dato di fatto. Discernere la buona dalla cattiva informazione è una questione difficile e delicata. 

Quali sono le tendenze dei social in Italia nel 2020?

 Anche qui è tutto stabile secondo i social trend 2020: YouTube si conferma come la piattaforma di maggiore fruizione (chi non ha mai cercato un tutorial, scagli la prima pietra!). A seguire WhatsApp, Facebook, Instagram (che segna una crescita di quasi il 10%:  64 italiani su 100 hanno un profilo sul social) e, al quinto posto Messenger.
Gli Italiani non sono indifferenti a Tik Tok: anche la generazione Z del Bel Paese, ne è affascinata e l’11% degli Italiani possiede un profilo su cui registrare mini video e condividerli con il mondo.

 

Lunga vita ai social! La tua azienda si è adeguata?

È inevitabile: non essere sui Social network equivale, quasi, a non esistere. Affermazione che non appare così azzardata se si pensa ad un’azienda: qual è il primo luogo in cui cerchiamo un brand? Google, certo.
Ma il secondo? Facebook o Instagram! Perché se BIG G dà info utili, è Facebook che diventa una vetrina da mostrare ai clienti.
Lo dimostrano i social trend 2020: che la vostra azienda venda vestiti, produca software o piatti da asporto, avere una presenza studiata sui social è necessario per raggiungere il pubblico.

Ci avevate pensato?

Se volete approfondire o chiedere una consulenza scriveteci a lab@reputationlab.it

 

Vuoi conoscere le novità su social media, siti web, blog, e-commerce? Iscriviti alla nostra newsletter: aggiornamenti di settore, preziose anticipazioni e case histories di successo.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con 3° parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Consulta la Privacy Policy.