Facebook premia i contenuti. Tab qualità della pagina

Facebook premia i contenuti. Tab qualità della pagina

Posted by Monica Vitale | 28 Gennaio 2019 | Social
qualità della pagina facebook

Che Facebook stia cercando di darsi delle regole sui contenuti lo sappiamo bene.

Cambi di algoritmo, valutazioni sulla qualità dei contenuti dei testi e delle immagini, feed personalizzati e ADS cucite addosso ad ogni utente.

Tutto gira attorno ad un caro, vecchio concetto del marketing:
La qualità del contenuto.

Perché potrai investire milioni di euro in pubblicità, ma se il detersivo che produci non smacchia, non fregherai i consumatori a lungo ed il mercato ti punirà presto con l’oblio.

Questo è, più o meno, quello che sta cercando di fare Facebook: isolare i contenuti molesti e fastidiosi che disturbano gli utenti e premiare quelli interessanti per offrire  la migliore esperienza possibile.

E sì: anche sui social, la reputazione aziendale la fa da padrona.

Non basta “esserci”.
Per essere visibili
bisogna dire cose sensate, incontrare il favore degli utenti, stimolare il loro interesse, la loro interazione e ciò innescherà quel circolo virtuoso che porta ad una maggiore visibilità.

La rete è piena di rabdomanti dell’algoritmo di Facebook che promettono la formula magica per farselo amico, soggiogarlo e conquistare l’agognata reach.

Dobbiamo a malincuore ammettere che non siamo tra quelli. Noi siamo all’antica, di quelli che non perdono 7 chili in 7 giorni, che non guadagnano 10000 al mese lavorando un quarto d’ora al giorno e che, ahimè, non apriranno mai un conto a 6 zeri alle Cayman.

In compenso, siamo appassionati di quella comunicazione che è sostanza, informazione, cultura ed in questo post vi mostreremo l’ultima diavoleria pensata da Mark Zuckemberg, magicamente apparsa in alcune delle fortunate pagine cavia: la TAB “qualità della pagina” dove è possibile visionare comodamente i contenuti rimossi per violazione degli standard della community, raggruppati come nelle pagelle delle peggiori scuole di Caracas, nonché le notizie false valutate tali da fact checker indipendenti.

Quanta carne al fuoco, gente!

Tanta.

Per cui limiterò questo articolo sulla Tab Qualità dei contenuti soltanto a due aspetti, con la promessa di scrivere poco meno del codice di Hammurabi.

  1.      Facebook confessa: “Le Pagine che violano ripetutamente gli Standard della community di Facebook o condividono contenuti fuorvianti potrebbero registrare una riduzione della distribuzione o essere nascoste”

Vi rimando alla pagina dedicata per leggere i dettagli.

Basti qui sapere che ciò a cui fa riferimento Facebook sono i contenuti violenti, deplorevoli, non autentici o che violano il diritto d’autore.

Facebook ci prova. È vero che a volte censura la foto di un piede e non un post di insulti… ma che ci volete fare: nessun algoritmo è perfetto!

Quel che dimostra, ancora una volta, è l’impegno (col condizionale) a punire questo gene

re di contenuti.

 

  1.    Facebook vuole ripulirsi rendendosi una fonte di notizie meritevole di attendibilità con i fact checker esterni.

In 2 parole, è partita (già da un po’ in verità) la lotta alle bufale… No, non quelle della mozzarella! E lo fa avvalendosi di fact checker esterni per valutare l’attendibilità delle notizie pubblicate e punendo, contestualmente, gli untori.

Diversi i gradi di valutazione: false, miste, non idoneo, satira, opinione, generatore di bufale (testuali parole), non valutato.

Cosa succede alle pagine che pubblicano notizie false?

Facebook punisce i post nel modo che gli viene più facile: queste notizie vedranno ridotta la copertura e lo stesso trattamento subirà la pagina rea di diffusione ripetuta di notizie false o con titoli sensazionali acchiappa clic.

Ora, come direbbe qualcuno, la domanda sorge spontanea: oscurare le pagine non sarebbe più logico?

E no, cari miei: la riduzione di copertura può sempre essere compensata dagli investimenti in pubblicità e questo a Facebook conviene. Tant’è che, continuando a leggere vediamo quali sono le maniere forti: la pagina non potrà monetizzare né fare pubblicità. Facebook è disposto a rinunciare agli introiti della pubblicità in favore della propria reputazione.

Al di là degli obiettivi di marketing di Facebook che è pur sempre una società ed, in quanto tale, deve fatturare, c’è una speranza: i contenuti di valore pagano.

contenuti di qualità

E pagheranno sempre di più, perché pare evidente che il buon Facebook stia svoltando verso un “ranking delle pagine”, alla maniera di Google, riportando al centro del discorso la reputazione di un’azienda.

I concetti, i fatti, la qualità del contenuto sta prepotentemente tornando alla carica pronto a riprendersi il valore centrale che ha sempre avuto.

E la tua comunicazione è di qualità?

Quanta reputazione costruisce la tua pagina Facebook?

Se vuoi saperne di più, o vuoi richiedere un assessment gratuito della tua pagina Facebook, scrivi a lab@reputationlab.it.

Related Blogs

Posted by monica | 23 Maggio 2019
Nell’ultima conferenza degli sviluppatori, sono state annunciate parecchie rivoluzioni … e belle grosse! A parte l’apertura alle criptovalute, che proietterebbe il colosso di Cambridge nel mondo dei mezzi di pagamento…
perdita follower su instagram
Posted by monica | 14 Febbraio 2019
Dopo il caso taglia-followers scoppiato su Instagram poche ora fa, è allarme nel mondo dei social network. Se volete scampare alla drastica perdita di followers nei vostri account, ecco il…
Brand Positioning social network
Posted by santina-giannone | 04 Febbraio 2019
Facebook compie 15 anni tra luci e ombre, Google Plus annuncia la chiusura: dai social network un'importante lezione di brand positioning.   Facebook soffia sulle 15 candeline mentre gli utenti…